•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Dopo il successo della prima puntata Live che ha visto l’eliminazione di Lorenzo Bonamano della squadra degli Under Uomini, la gara di X Factor 2017 con i concorrenti dei giudici Mara Maionchi, Manuel Agnelli, Levante e Fedez continua giovedì 2 novembre alle 21.15 in diretta e in esclusiva su Sky Uno HD.

Dopo aver aperto il primo Live Show con l’inno contro la violenza sulle donne dal titolo “No man is big enough for my arms” delle Ibeyi, un duo di sorelle musiciste franco-cubane, Lisa-Kaindé e Naomi Diaz, la seconda puntata Live avrà come tema “Un mare da salvare”.

Sarà il conduttore del programma Alessandro Cattelan ad introdurre la campagna di Sky per la tutela delle acque marine, per sensibilizzare le persone e ispirarle ad agire per salvaguardare i mari, supportando soluzioni innovative e impegnandosi in prima persona.

Le scenografie e gli abiti della puntata saranno realizzati in plastica riciclata.

Sotto la direzione artistica di Luca Tommassini, con la collaborazione della costumista Claudia Tortora e dello scenografo Luigi Maresca, i cantanti di X Factor si esibiranno tra rifiuti, flaconi e bottiglie in plastica e i ballerini indosseranno costumi realizzati interamente con materiale di recupero.

Il comunicato ufficiale del programma fornisce i dati sul delicato tema ambientale: “Gli oceani occupano, infatti, ¾ del nostro pianeta, circa il 70% dell’ossigeno proviene dal mare, più che da tutte le foreste tropicali del mondo, e i mari sono la principale fonte di proteine per più di un milione di persone. Al momento ci sono circa 5 trilioni di pezzi di plastica negli oceani, 8 milioni di tonnellate di plastica che finiscono nell’oceano ogni anno e che ci rimarranno per sempre. Entro il 2050 il peso della plastica negli oceani potrebbe superare quello dei pesci e il Mediterraneo, il mare a noi più vicino, ha uno dei tassi di densità di plastica più alti del mondo. Solo con le piccole azioni quotidiane di tutti si riuscirà a determinare un futuro migliore per i nostri mari e per la terra in generale.”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata