• 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Come era stato anticipato, durante il sesto Live di X Factor 2017 era prevista una doppia eliminazione: due concorrenti su sette avrebbero dovuto lasciare il palco del talent show di Sky Uno HD, restringendo la rosa di candidati in vista della finale del 14 dicembre.

Ad essere eliminati sono stati Rita Bellanza, 20 anni, cantante della categoria Under Donne guidata da Levante, che aveva commosso il pubblico con la sua personale versione di “Sally”, e Andrea Radice, pizzaiolo napoletano dalla voce soul, seguito durante il programma da Mara Maionchi.

Rita è stata la prima concorrente ad essere eliminata, durante la prima manche classica, al cui termine il voto dei telespettatori ha decretato il risultato. Aveva cantato un brano poco conosciuto di Renato Zero, “In questo misero show”, il cui testo rifletteva la sua esperienza a X Factor. La canzone affidatale dal suo giudice, Levante, non ha però convinto il pubblico, che ha deciso di escluderla dalla semifinale di giovedì prossimo.

Ecco l’inedito di Rita Bellanza, “Le parole che non dico mai”:

La seconda manche a tema, My Song, ha permesso ai concorrenti rimasti in gara di portare sul palco un brano a loro scelta. I due che hanno convinto meno il pubblico sono stati i Ros, la band seguita da Manuel Agnelli, e Andrea Radice.

Dopo l’ultimo scontro tra i Ros e Andrea Radice, i giudici hanno dovuto esprimere la propria preferenza, e l’ago della bilancia è stato Fedez, che ha deciso di salvare i Ros.

Ecco l’inedito di Andrea, “Lascia che sia”:

Rita e Andrea durante l’esperienza a X Factor sono diventati amici, quindi il loro addio è dolceamaro:

Una puntata densa di emozioni e di tensione, che ha visto la straordinaria partecipazione di Noel Gallagher, ex Oasis che durante lo show si è esibito in una versione acustica di “Don’t Look Back in Anger” e con il suo nuovo singolo, “Holy Mountain”, accompagnato dalla band High Flying Birds.

A rimanere in gara a X Factor, di fatto, sono quindi: Lorenzo Licitra, Enrico Nigiotti, Samuel Storm, i Ros e i Maneskin.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata