•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sono afroitaliano“, canta Tommy Kuti. Per chi non segue il rap, questo nome potrebbe suonare sconosciuto. Tolulope Olabode Kuti – il suo vero nome – è un rapper italiano di seconda generazione nato in Nigeria nel 1989, che lavora con la musica dal 2011, noto soprattutto nella scena rap bresciana.

La cover di "Afroitaliano" di Tommy Kuti.

La cover di “Afroitaliano” di Tommy Kuti.

Nelle sue canzoni, Tommy Kuti tratta temi sociali che lo toccano personalmente, come il razzismo, l’integrazione e le realtà italiane, ma realizza anche “pezzi più ritmati ed auto-ironici nei quali mette in mostra le proprie capacità di intrattenitore.” Un’operazione simile a quello di Bello Figo, ma un po’ più seria.

Con “#AFROITALIANO” il rapper bresciano firma un manifesto per tutte quelle nuove generazioni di giovani italiani nati da genitori immigrati o di origini straniere, che hanno tutte le caratteristiche tipiche di un italiano, ma che spesso vengono discriminati ancora prima di aprire bocca.

Una denuncia di una società che fa ancora fatica ad abbandonare i pregiudizi: Il mondo è cambiato, non è complicato / “Afroitaliano” per te è un rompicapo.

Il brano è disponibile su tutte le piattaforme di streaming e download digitale: http://umi.lnk.to/AFROITALIANO

Nel videoclip della canzone compare a sorpresa Fabri Fibra, che fa un cameo interpretando il suo psicologo. I due rapper avevano collaborato lo scorso giugno nel brano “Su Le Mani 2016” contenuto nel disco Tradimento 10 Anni – Reloaded.

In ottobre, Kuti annuncia tramite i suoi canali di aver firmato un contratto discografico con Universal Music Italia.

Esulto quando segna SuperMario
Non mangio la pasta senza il parmigiano
Ho la pelle scura l’accento bresciano
Un cognome straniero e comunque italiano

A volte mi sembra di esser qui per sbaglio
Sanno poco di me, son loro bersaglio
Ciò che ho passato loro non lo sanno
E il mio passato mai lo capiranno

Mi dai del negro, dell’immigrato
Il tuo pensiero è un po’ limitato
Il mondo è cambiato, non è complicato
“Afroitaliano” per te è un rompicapo

Non sanno chi siamo in questo Stato
Mi vuoi lontano, ho letto il tuo stato
Chi non ci vuole vede solo il colore
La nostra nazione sta scritta nel cuore

Sono Afroitaliano, Afroitaliano
Sono Afroitaliano, Afroitaliano

Questi che ne sanno di file in questura
Delle mille facce della mia cultura
È la melanina ciò che li cattura
Io non ho dei dubbi sulla mia natura
Quando io rappo è in italiano
E anche se parto resto un italiano
La prima volta che ho detto “ti amo”, ti giuro, l’ho fatto in italiano
Gli 883, la Dogo Gang
I cartoni sul 6 con Cristina D’Avena
La scena rap, chi era giù con me
Quando tutta sta gente non mi conosceva
Fanculo i razzisti, quelli della Lega
Ogni 2 Giugno su quella bandiera
Mando una foto ai parenti in Nigeria
Mangiando una fetta di pizza per cena

Sono Afroitaliano, Afroitaliano
Sono Afroitaliano, Afroitaliano

Afroitaliano, perché sono stufo di sentirmi dire cosa sono o cosa non sono
Sono troppo africano per essere solo italiano e troppo italiano per essere solo africano
Afroitaliano, perché il mondo è cambiato

Sono Afroitaliano, Afroitaliano
Sono Afroitaliano, Afroitaliano

Fabri Fibra Tommy Kuti video Afroitaliano

Fabri Fibra nei panni dello psicologo di Tommy Kuti nel video di “Afroitaliano”.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata