•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Negli ultimi giorni si è letto parecchio, in giro (nelle testate specializzate e non) di Neil Young. In sede di intervista ha dichiarato il proprio pensiero a proposito dei tour di addio che ormai sono diventati quasi di moda.

Le stronzate

Il cantautore e rocker canadese ha detto, riferendosi alla propria inattività sul fronte live, di fronte a un giornalista che si domandava se fosse sul punto di abbandonarsi alle gioie della pensione e, magari, avesse un bel farewell tour in canna:

Quando deciderò di ritirarmi, la gente lo saprà, perché sarò semplicemente morto. Non dirò: “Non tornerò più sul palco”. Che razza di stronzata è mai questa? Anche ora, se volessi, potrei andare là fuori a suonare, ma semplicemente non me la sento.

Le stronzate sulle stronzate

Da questa dichiarazione è scaturita una pletora di articoli che, pur riportandola piuttosto fedelmente, sbandieravano titoli del tipo “Neil Young dice che i tour di addio sono stronzate” (insomma, il tenore era questo).

Ed è una stronzata.

Perché Young in realtà ha detto che per lui sarebbe “bullshit” il fatto di precludersi la possibilità di suonare live annunciando il proprio ritiro. Non ha espresso un giudizio di merito su ciò che fanno gli altri. Ma ha detto che non dirà mai che desidera ritirarsi, perché in realtà potrebbe anche capitare l’occasione o semplicemente nascere la voglia di suonare nuovamente.

Il trappolino

Sapete il motivo di questo equivoco?

Eppure è semplice. Siamo di fronte a una banale questione di esche. Dai, non avrebbe fatto lo stesso effetto scrivere: “Neil Young dice che si quando smetterà di suonare la gente se ne accorgerà” – o qualcosa di simile. Semplicemente perché nessuno avrebbe pensato di cliccare e leggere l’articolo.

Non basta più, e da tempo, dare notizie. Occorre spararle, magari un po’ più grosse di quel che sono. O crearle. Perché tutto si gioca sul filo del click e del famoso engagement, cioè far intravedere la coscia all’automobilista mentre passa, sperando che si fermi. Se poi la gamba è di legno, amen. Ormai si è fermato. E comunque non smetterà di inchiodare, in futuro. Perché è troppo abituato e attratto da questo tipo di situazione.

E voi?

[H. Maltese]