• 8
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    8
    Shares

Max Pezzali, Francesco Renga, Nek. Se vi chiedeste cos’hanno in comune, la risposta da oggi è più facile: un singolo cantato insieme, e un tour prossimo a partire. Il singolo si intitola Duri da battere (Warner) è firmato da Pezzali ed è lo spunto che ha dato vita al tour, che partirà il 20 gennaio all’Unipol Arena di Bologna.

Ecco come Renga, Pezzali e Nek hanno presentato alla stampa questo evento.

Ma come è nata l’idea di unire i tre artisti in un progetto come questo? A spiegarlo è Claudio Cecchetto; uno che Pezzali lo conosce molto bene (ne è stato il talent-scout): «Max lavorava a Duri da battere dal 2016, ma non riusciva a trovare “la chiusa”. Quando è venuta fuori l’idea di coinvolgere nel cantato Renga e Nek, la si è trovata: il giorno dopo ha di fatto completato il brano ed è nata l’idea del tour. Che non ha ancora un titolo, e allora lo propongo io: Duri da battere».

«Ho pensato a loro come rinforzo vocale», ha aggiunto Pezzali, che ha poi scherzato: «Se no col cacchio che la scrivevo!». Quanto all’ispirazione, l’ex 883 ha raccontato come lo spunto sia lo stupore. «Sono stupefatto dall’osservare che l’uomo, nonostante tutto, sia ancora qui. Nonostante non sia il più forte fisicamente sulla Terra; nonostante lui stesso alzi muri tra i propri simili; nonostante tutti noi, nel nostro piccolo, ci confrontiamo con le continue difficoltà della vita quotidiana».

Il video stesso di Duri da battere è un omaggio ai personaggi della Storia che hanno vinto grandi difficoltà e si sono affermati come campioni: nello sport, nella scienza, nella politica.

Il brano risuonerà in concerto insieme ai brani di ciascuno. Ora, cosa vedrà il pubblico non è ancora chiarissimo. Pezzali, Renga e Nek hanno insistito nell’affermare che i dettagli sono ancora da definire: chi canta cosa, con quali arrangiamenti, chi sarà (se ci sarà) il direttore artistico dello show. L’aura di novità circonda questo progetto nella sua radice embrionale.

«Di una cosa siamo sicuri – dicono in pratica all’unisono -: ci vogliamo divertire e vogliamo uscire dalla routine. Ognuno di noi ha il proprio pubblico, abituato a un certo ritmo: fai un disco, fai il tour. È routine anche per loro, e allora rimettiamo tutto in gioco con un’impresa nuova non solo sul piano musicale, ma anche su quello dell’audience. Sarà divertente vedere cosa succede mettendo assieme nello stesso posto tre tipi di pubblico diverso, pur se tra di loro affini».

Il tour parte, dicevamo, da Bologna il 20 gennaio e termina a Firenze esattamente un mese dopo (sotto, l’elenco delle date). Non ci sono Milano e Roma tra le piazze in cui approderanno Pezzali, Renga e Nek, e ciò ha suscitato un pensiero: che si stiano già preparando a un mega show a San Siro? Dai tre, ampi gesti di smentita e di invito a calmare la fantasia. «Non esageriamo, non c’è nulla in ballo. Ma ci aspettiamo che da questo tour nasca qualcosa». Cosa, quindi? «Un disco, magari. O anche poter andare a Sanremo come presentatori».

Una boutade? Staremo a vedere.

Intanto, ecco le date.

  • 20 gennaio – Unipol Arena, Bologna
  • 22 gennaio – Brixia Forum, Brescia
  • 25 gennaio – RDS Stadium, Genova
  • 26 gennaio – Pala Alpi Tour, Torino
  • 29 gennaio – Adriatic Arena, Pesaro
  • 31 gennaio – Pala Sele, Eboli (Sa)
  • 3 febbraio – Pal’Art, Acireale (Ct)
  • 12 febbraio – Pala Bam, Mantova
  • 16 febbraio – Arena Spettacoli Padova Fiere, Padova
  • 20 febbraio – Nelson Mandela Forum, Firenze

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata