•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ieri sera è andata in onda la prima puntata dei Bootcamp di X Factor 2017, quella fase di selezione ulteriore rispetto alle audizioni in cui i quattro giudici prima hanno dovuto scremare i concorrenti arrivando a 48 aspiranti popstar (12 per ogni categoria), per poi arrivare a 5 concorrenti per squadra attraverso il crudele “gioco delle sedie”.

I primi due giudici a dover affrontare l’ardua decisione sono stati Fedez, veterano del programma, al quale è stata affidata la squadra degli Under Uomini (ragazzi al di sotto dei 25 anni), e Manuel Agnelli, che capitanerà la categoria dei Gruppi (o delle band, che dir si voglia).

GIudici X Factor selezioni Bootcamp

Scelte azzeccate, che non sono state rivelate in puntata agli spettatori, perché erano state rese pubbliche prima dell’estate. Agnelli, frontman degli Afterhours, gruppo indie italiano, ha sicuramente una grande esperienza in fatto di band.

Qui trovate un breve riepilogo della prima puntata dei Bootcamp:

Fedez, dall’altra parte, è più vicino all’età dei concorrenti della sua squadra, avendo 27 anni. E proprio dal suo team è iniziato il gioco delle sedie.

Durante la puntata, non priva di tensione e agitazione anche da parte del giudice, il rapper milanese ha selezionato senza ombra di dubbio Gabriele Esposito, giovane cantautore che aveva già partecipato ad X Factor ed era stato scartato da Arisa, e sul palco dei Bootcamp ha interpretato “When We Were Young” di Adele (scelta inusuale per un ragazzo), e Kamless Kishnah, che ha spiazzato Fedez con la sua incredibile performance di “Payphone” dei Maroon 5:

Ma ci sono stati anche dei ripensamenti, ben 3 switch. Fedez ha deciso di escludere dalla competizione Luca Marzano, il ragazzo di 16 anni svegliatosi dal coma grazie alla musica, che ha cantato “Ho Hey” dei Lumineers, ma si è dovuto alzare dalla sedia che aveva conquistato per primo per fare posto a Samuel Storm, il migrante nigeriano dalla voce incredibile che ha regalato una bellissima interpretazione di “Skinny Love” dei Bon Iver e resa famosa da Birdy.

Samuel Storm X Factor

Samuel Storm ha cantato “Skinny Love”

Ha perso la sedia anche Sidy Lamine Casse, giovanissimo interprete che ha conquistato il pubblico con una cover di “Mad World” di Gary Jules, guadagnandosi anche una standing ovation, ma era evidentemente emozionato e tremante, ed è stato sostituito da Domenico Arezzo “Nico”, talento innato con una passione per la chitarra che ha cantato “Attention” di Charlie Puth.

Domenico Arezzo cantante Attention Charlie Puth Bootcamp X Factor

Eliminato anche Francesco Bertoli, il biondino dei Jarvis, che si era ripresentato dopo che la sua band l’anno scorso aveva deciso di ritirarsi dal programma, per lasciare il posto a Lorenzo Bonamano, che ha cantato “Worry” di Jack Garratt e nonostante le incertezze e le note tremanti secondo Fedez doveva avere un posto nella sua squadra.

SQUADRA UNDER 25 UOMINI

Samuel Storm
Domenico Arezzo
Lorenzo Bonamano
Gabriele Esposito
Kamless Kishnah

ELIMINATI
Leonardo Belleggia
Andrea Uboldi
Giorgio Schino
Einar Ortiz
Luca Marzano (ha perso la sedia)
Sidy Lamine Casse (ha perso la sedia)
Francesco Bertoli (ha perso la sedia)

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata