• 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    5
    Shares

Come probabilmente già saprete, negli ultimi giorni è diventato virale un video girato per un contest aziendale da una direttrice e dal personale di una filiale di banca, poi finito online per colpa di un conoscente di uno dei partecipanti. J-Ax ha voluto condividere la propria opinione sui social (quelli che chiama “i miei due centesimi”), con un breve video che ha registrato in un’ora oltre 40mila visualizzazioni su Instagram e 30mila su Facebook.

“Parliamo spesso contro il bullismo, ma siamo capaci di distinguere quando il bullo siamo noi? Ieri è diventato virale in tutta Italia – l’avrete anche condiviso sulla vostra pagina – questo video girato all’interno di una filiale di una banca dove c’era questa ragazza che insieme ai suoi dipendenti cantava e ballava”, spiega il rapper milanese, che non finge di essere immacolato.

“Lo confesso, anch’io ho riso”, dice nel video. “Poi ho pensato: ‘Ma il mio divertimento che cosa comporta per quelle persone?’ Cioè siamo nel 2017, 40 milioni di italiani sono su Facebook, non siamo più i quattro gatti di una volta. Quando una cosa diventa virale tutta Italia lo vede e la reazione più comune è stata quella di prendere in giro la protagonista e gli altri partecipanti del video.”

Video direttrice filiale banca Intesa

E continua, parlando della differenza tra personaggio pubblico e persone comuni: “Quando sei un personaggio pubblico, vabbè, la m*rda te la prendi e ti ci abitui, ma provate ad immaginare 40 milioni di persone che improvvisamente si prendono gioco di voi e vi insultano. L’anno scorso una ragazza si è ammazzata dopo la diffusione di un video che doveva rimanere privato”, ha ricordato J-Ax, parlando del caso di Tiziana Cantone.

Chiude con un messaggio rivolto proprio alla direttrice di filiale di banca: “Forza Katia, non ti fare spaventare da chi ti insulta online, sono solo gelosi della tua libertà. Un bacio, ciao bella. Questi sono i miei due centesimi.”

Ecco il video pubblicato da J-Ax:

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata