• 471
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    471
    Shares

«Il mio amico GUIDO ELMI è volato nell’altra dimensione».  Comincia così un post su Facebook di Red Ronnie, e il tono è quello sicuro dell’addio. Elmi, da tutti conosciuto come Steve Rogers, è morto oggi a 69 anni. Era nato a Bologna il 13 ottobre del 1948.

«Lo conosco dai primi tempi con Vasco Rossi inizio anni ’80», prosegue il post di Red Ronnie. «Le ultime volte che l’ho visto è stato ai due concerti di #ModenaPark (in questa foto) e nelle dirette dalla Fonoprint la settimana scorsa. Lo avevo visto molto stanco. Ricordo che quando stavano finendo le esibizioni degli artisti selezionati ci siamo fatti l’occhiolino e abbiamo cominciato a ridere, senza nessuna ragione. Era forse il modo per salutarci definitivamente… anche se non c’è mai nulla di definitivo. Ci incontreremo ancora».

Il presentatore conclude: «Ciao Guido: io perdo un amico e la biblioteca della musica perde un grande produttore, quello che con “Bollicine” rivoluzionò il rock in Italia».

Non sappiamo dire se fu rivoluzione, come afferma Red Ronnie. Di sicuro, Elmi ha dato alla musica di Vasco Rossi un’impronta indelebile. C’è lui dietro alla produzione di Colpa d’Alfredo (1979), e dietro le celeberrime armonie di brani come Brava Giulia, Bollicine o Stupido Hotel.

Era stato Maurizio Solieri, storico chitarrista di Vasco, a introdurre Elmi nell’entourage del rocker di Zocca. A lui Elmi è stato legato per l’intera carriera, ma non in esclusiva. Anzi, la sua mano di produttore si è fatta sentire nei lavori di altri importanti musicisti italiani: tra tutti, Alberto Fortis, gli Skiantos e Massimo Riva (suo sodale nella Steve Rogers Band), di cui ha prodotto il disco postumo Comandante space.

Appassionato di politica, Elmi l’aveva studiata all’università (aveva una laurea in Scienze Politiche) e nel 2014 si era candidato per il consiglio comunale della sua città con il partito Bologna 2014. Tra il 2005 e il 2009 è stato anche discografico, fondando l’etichetta indipendente NoPop.

Tra i ricordi più calorosi è apparso su Twitter anche quello di Enrico Ruggeri:

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata