•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Jovanotti in versione Don Chisciotte che lotta contro i mulini a vento di quest’epoca buia e fondata sulla paura. Queste sono le immagini con cui Lorenzo ha aperto lo spettacolo al Forum di Assago. Nella pancia della balena, ha saltato e cantato fino alle 23.30, lo farà ancora stasera e per le altre dieci sere, prima di spostare la sua astronave verso una nuova tappa del tour.

 

Il più grande spettacolo dopo il big bang

 

In questi anni, Lorenzo ci ha abituati a non risparmiarsi mai, a inventarsi sempre qualcosa di nuovo per rendere il suo (e nostro) spettacolo più bello, più pazzo, più originale.

Oltre a una band in splendida forma, Jovanotti mette in campo una scenografia da re, tra visuals e luci disegnate da Paul Normandale. Cambia spesso costume alla sua adrenalina e non si stanca, lui no che non si stanca, non si stanca. Improvvisa un dj set, come omaggio alle sue origini, e fa tremare il filaforum quando partono i tamburi de L’ombelico del mondo.

 

Le canzoni non devono essere belle, devono essere stelle

 

Alterna ballate a pezzi potenti e carichi di energia, vuole far ballare la gente, come canta nel ritornello de “Le canzoni”, e illuminare la notte. E ci riesce, senza smettere un secondo di trascinare il suo pubblico, dalle note iniziali di “Ti porto via con me” al coro di chiusura di “Viva la libertà?”. Sono tanti i brani del disco nuovo, otto per la precisione, e Lorenzo li propone alternandoli alle grandi hit di sempre.

Il nostro gigante del pop ha 51 anni, come Don Chisciotte, e in questo LorenzoLive2018 farà volare anche i mulini a vento, potete scommetterci.

 

 

La scaletta della prima sera:

 

Ti porto via con me

Le canzoni

Penso positivo

In Italia

Oh, vita!

Sbam!

Gli immortali

Mi fido di te

Sbagliato

Baciami ancora

Chiaro di luna

Fame

Dj set: Attaccami la spina / Non mi annoio / Muoviti / Una tribù che balla / Tanto3

L’ombelico del mondo

A te

Ti sposerò

Ragazza magica

L’estate addosso

Tutto l’amore che ho

Safari

Tensione evolutiva

Sabato

Il più grande spettacolo dopo il big bang

Ciao mamma

Ragazzo fortunato

Le tasche piene di sassi

Mezzogiorno

Viva la libertà